Il primo “gelataio” romano.

EsploraRoma

image

Ho sempre pensato che l’inventore del primo gelato romano fosse stato un artigiano, invece no, un generale goloso!!
Una “grattachecca” ante litteram. Lo si deve a Quinto Fabio Massimo, console della Repubblica, era tanto goloso da essere soprannominato Gurges. Il ghiottone. Anche altre personalità non meno ingordi di sorbetti furono alcuni imperatori, come Nerone incurante delle raccomandazioni di Ippocrate, era capace fare indigestioni di nettare di frutta gelata con miele.
Copiato dai greci, i romani avevano imparato a utilizzare la neve pressata al ghiaccio, proveniente dal vicino Terminillo, dall’ Etna o Vesuvio. Neve e ghiaccio andavano a rifornire le cisterne dei nobili, ma anche i Thermopolia situati lungo le strade, una sorta di bar per gli accaldati viandanti.
Anche Plinio il Vecchio I sec. d. C. ci lascia una ricetta di un sorbetto di neve a base di nettare di frutta e miele. Insomma i primi gelati…

View original post 167 altre parole

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...