Filippo De Pisis fra i più grandi pittori contemporanei

_cri0283-2
Paesaggio urbano, tipico soggetto utilizzato dal pittore negli anni 30 durante il suo soggiorno a Parigi.

di Sabrina Rinaldi

Luigi Filippo Tibertelli, conosciuto come Filippo de Pisis (Ferrara, 11 maggio 1896 – Brugherio, 2 aprile 1956), di nobili origini. Pittore e scrittore italiano, è stato uno tra i maggiori interpreti della pittura italiana della prima metà del Novecento.

Il suo stile fatto di suggestioni e soggetti del tutto originali, dove il tratto pittorico diventa spezzato quasi sincopato, definito da Eugenio Montale “pittura a zampa di mosca”.

26921-filippo-de-pisis-1Nel suo percorso di vita e di passione, nel 1915 incontra De Chirico e il fratello Alberto Savinio a Ferrara e nel 1917 Carlo Carrà rimanendo suggestionato dal loro modo di concepire la pittura  che inizialmente ne condivise lo stile metafisico, ma dopo  brevi soggiorni a Roma e a Parigi, all’inizio degli anni venti, gli si aprono nuovi orizzonti pittorici. De Pisis dopo avere scritto prose, liriche e poesie raccolte ne I Canti de la Croara ed Emporio, nel 1920 inizia a scrivere il saggio La città dalle 100 meraviglie, pubblicato in seguito a Roma nel 1923.

Alla ricerca di nuovi stimoli si trasferisce nel 1925 a Parigi. Il soggiorno si protrasse ininterrottamente per quattordici anni rivelandosi proficuo ed essenziale sotto l’aspetto artistico. Conosce Édouard Manet e Camille Corot, Henri Matisse e i Fauves, per un uso più gestuale del colore e, oltre alle nature morte, dipinge nel periodo parigino paesaggi urbani, nudi maschili e immagini d’ermafroditi.

Poi fu la volta dell’ Inghilterra. Qui strinse amicizia con la pittrice Vanessa Bell, sorella di Virginia Woolf, e Duncan Grant.

Le immagini che l’artista dipinge sono, più che disegnate, evocate e circondate da un continuo clima poetico, come risulta dalle vedute parigine, londinesi, dalle marine veneziane, dai nudi, dai grandi mazzi di fiori e dai paesaggi di Cortina.

depisis73

Nel 1929 Filippo de Pisis conobbe a Cortina Mario Rimoldi il quale divenne uno dei principali committenti.  Rimoldi gestiva l’Hotel Corona con il fratello Arturo, contribuendo a fondare il Circolo Artistico. Il Museo d’Arte Moderna “Mario Rimoldi” custodisce ed espone opere di artisti famosi, le maggiori espressioni dell’arte del XX secolo. Numerosi artisti ebbero occasione di soggiornare nel suo albergo e soprattutto di dipingere per lui: Alberto Savinio, Renato Guttuso, Tullio Garbari, Giorgio Morandi, Ottone Rosai, Felice Carena, Virgilio Guidi, Pio Semeghini. Ebbe rapporti d’amicizia anche con Mario Sironi, Giorgio de Chirico, Massimo Campigli e Anton Zoran Music.

Non tutti sanno o ignorano, che questo eccezionale museo assieme al Museo Paleontologico e al Museo Etnografico, appartiene alle Regole d’Ampezzo.

83-2

Le sue straordinarie doti di colorista lo pongono fra i più grandi pittori contemporanei. Nonostante il gran talento, non ebbe tutti i riconoscimenti che meritava. Lo stile malinconico e personalissimo di De Pisis non ha eguali nella storia della pittura. Genio nel passare rapido dalla pittura, alla poesia e alla prosa, ha lasciato una gamma di opere dove forma colore e suoni si rincorrono creando un mondo ricco di emozioni e suggestioni.

scheda-tecnica dell’Opera  dello Studio Peritale Alfredo Verdi Demma

Percorsi Culturali per coloro che amano l’Arte.

Contatti: alfredoverdidemma@gmail.com   o  esploraromablog@gmail.com

Il Blog è dedicato agli interessati  di Arte, di Restauro, di Enogastronomia del territorio e di  percorsi Paesaggistici Culturali.

Tutti coloro che desiderano che venga pubblicato un loro articolo sul Esploraromablog  possono contattare la redazione tramite mail: esploraromablog@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...