Castello di Roncolo, un gioiello sullo sperone del Talvera – Bolzano

L’italia è ricca di gioielli incastonati nella roccia ed il Castello di Roncolo – Bolzano è uno di questi. Con il suo ciclo di affreschi del 1388 realizzati da pittori della Scuola veronese, risulta essere la più ampia e completa decorazione affrescata del tardo Medioevo  in Italia legata allo Stile Gotico Internazionale. Incastonato fra i vigneti sullo sperone del Talvera fu costruito nel 1237 dalla Famiglia von Wangen poi successivamente ampliato e decorato fino a farne una meravigliosa residenza dai potenti feudatari locali Vintler. 

castel roncolo bolzano (7)

Gli affreschi decorano tutte le stanze con tematiche tipicamente cortesi, come i giochi, il ballo, i festini, i tornei o cavallereschi come temi tratti dalla Leggenda di Tristano e Isotta e di Re Artù con i suoi cavalieri della tavola rotonda. Il castello ha tra i suoi ambienti una stanza da bagno perfettamente conservata con il suo soffitto originale blu lapislazzuli con stelle e rappresentazione allegorica del Sole e della Luna.

castel roncolo bolzano (6)

“Accanto alle vicende movimentate della sua costruzione ed al suo attuale, romantico stato che incanta i visitatori invitandoli a restare all’interno delle sue mura, la vera attrazione si trova al suo interno, nel Palazzo Occidentale e nella Casa d’Estate, dove gli ambienti affrescati ospitano il più grande ciclo di pittura profana del Medioevo”

Dal 2000 il Castel Roncolo è nuovamente accessibile al pubblico e restituito ai bolzanini, agli altoatesini ed a tutti i visitatori e visitatrici provenienti dall’Europa e dal resto del mondo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...