SANTA CROCE EFFETTO NOTTE VI EDIZIONE 2016. Cinema all’aperto.

effetto notte 2016

La città offre  tanto in queste calde serate romane.  Un’altro appuntamento dove puoi godere del cinema all’aperto è al parco archeologico di Santa Croce in Gerusalemme  che dal 15 al 31 luglio si trasforma in un’isola verde nel cuore della città, dove un mix esclusivo di cinema, archeologia, musica e cultura attende il pubblico. Un’arena suggestiva di Roma con una programmazione che abbina il cinema di oggi ai classici del passato.                    
“Il programma nel dettaglio: Schermi Italiani (15-24 luglio) propone per 10 serate una selezione in digitale dei migliori film italiani della stagione, con un’attenzione particolare alle opere prime. Ad inaugurare la manifestazione sarà la proiezione dell’ultima opera di Claudio Caligari Non essere cattivo  e, a seguire, il film italiano rivelazione dell’anno, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti.
Le proiezioni saranno precedute o seguite da incontri con registi e attori, solo per citarne alcuni fra quelli invitati ad incontrare il pubblico: Gabriele Mainetti, Carlo Verdone, Monica Guerritore, Gianfranco Rosi, Stefano Accorsi, Elio Germano, Pierfrancesco Favino.
Dopo i dieci appuntamenti dedicati “al meglio del cinema di oggi”, il cinema a Santa Croce in Gerusalemme torna protagonista con Amarcord 35mm ( 25-31 luglio), rassegna che rende omaggio ai classici italiani, con proiezioni in pellicola, un vero e proprio avvenimento nell’era del cinema digitale.
Tra i 12 capolavori in formato originale, alcuni anche con sottotitoli in inglese, ci sono Il Gattopardo e Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti, Ballando ballando di Ettore Scola, L’armata Brancaleone di Mario Monicelli, Mamma Roma di Pier Paolo Pasolini, un omaggio ad Anna Magnani a 60 anni dall’Oscar, Caro Diario di Nanni Moretti, Il segno di Venere di Dino Risi.

Tre le grandi novità e le prime assolute di quest’anno: 
Per l’intera durata della manifestazione, nel cortile dell’Arena Cinema Mibact, sarà allestita la Mostra di manifesti cinematografici originali, curata dall’Archivio Storico del Cinema Italiano – Associazione Culturale Onlus “Caro Marcello…” dedicata a Marcello Mastroianni nel ventennale dalla sua scomparsa. La mostra sarà arricchita dall’esposizione della mitica automobile Triumph Tr3, spider del film La dolce vita (1959) di Federico Fellini;
Dal 15 al 17 luglio, di pomeriggio a partire dalle 17.00/18.00, nella Sala Rocca della Direzione Cinema, si terrà Ciak d’arte, rassegna di film sull’arte e sul patrimonio artistico, architettonico e paesaggistico a cura di Barbara Cannata. La rassegna sarà inaugurata il 15 luglio alle 17.00 con una tavola rotonda avente per tema: Cinema/Arte, alla quale parteciperanno Antonio Paolucci, Achille Bonito Oliva, Italo Moscati, Marco Maria Gazzano; proseguirà il 16 /17 luglio con una monografica di film sull’arte del regista svizzero Adriano Kestenholz presentata da Bruno Di Marino. Prima delle proiezioni del 17 luglio alle 18.00 si terrà anche un concerto dell’Ensamble Chordis di Remo Guerrini;

Domenica 24 luglio e venerdì 29 luglio ci saranno, sempre nella Sala Rocca della Direzione Cinema, 2 eventi speciali a cura dell’Associazione Giovani Produttori Cinematografici Indipendenti – AGPCI: il 24 luglio alle 19.30 Serata sull’animazione con Giuseppe Squillaci ed il 29 luglio  alle 19.00 proiezione di WAX: We Are the X di Lorenzo Corvino (2015, 85’). A seguire incontro con l’autore.”- cit.  http://www.cinema.beniculturali.it

Per info : http://www.cinema.beniculturali.it/

Articoli da leggere:

La Casa del Cinema.

Trastevere 60 notti di cinema gratis.

Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi proporci dei percorsi? Se sei interessato e vuoi saperne di più, contattaci l’Associazione Esplora Roma e Dintorni organizza visite guidate per gruppi e non solo. Per informazioni puoi contattarci tramite e-mail saremo lieti di scambiare idee e opinioni:

 esploraromaedintorni@gmail.com

https://esploraromablog.wordpress.com/

 

I VICOLI DI ROMA, STORIE E LEGGENDE.

Screenshot_2015-08-15-09-44-22-1  l’Associazione Esplora Roma e Dintorni sabato 23 luglio ore 18:00  ci mostrerà un curioso itinerario intitolato “I vicoli di Roma, storie e leggende”. Roma parla, basta saperla ascoltare. Sono le sue mille storie, i segreti e le sue leggende che hanno reso questa città unica. Passeggiando per i vicoli scopriremo luoghi che sono diventati scenari di film incontrando Palazzi importanti, Dimore antiche di persone famose che hanno fatto la storia e  statue parlanti Continua a leggere

IX Festival Laghidivini 2016

20160624_211507.jpgIeri è iniziata la IX rassegna Festival Laghidivini 2016 organizzato dall’Accademia enogastronomica Epulae Bracciano. Vini prodotti sulle sponde dei laghi italiani. Promuovere i prodotti del territorio e la cultura  enogastronomica. Si vuole dare importanza ai giovani nel bere consapevole come mi diceva Sandra Ianni. Oggi e domani altri appuntamenti tutti interessanti. Questa sera a bordo della motonave, del Consorzio del Lago di Bracciano, ci sarà la “Crociera al Buio” con  Hilde Solani, una dei 260 “naso” al mondo, che condurrà le persone in un viaggio Continua a leggere

LAGHIDIVINI dal 24 al 26 giugno 2016.

villa celimontana
Società Geografica Italiana

il 14 giugno scorso, nella bellissima sede storica della Regia Società Geografica Italiana, all’ interno di Villa Celimontana, si è svolta la rassegna stampa IX edizione di Laghidivini 2016  a Bracciano che si terrà dal 24 al 26 giugno. E’ un festival dedicato alle produzioni vitivinicole nei dintorni dei laghi italiani. Ideato e organizzato dall’Associazione culturale Epulae Bracciano in collaborazione con il Consorzio del Lago di Bracciano il Patrocinio Parco Regionale di Bracciano e Martignano, dell’ ARSIAL e di Fedrealberghi.

20160614_123637

La scelta della sede, Regia Società Geografica Italiana, per la rassegna stampa non è un caso, quest’anno il tema scelto per l’evento sarà ” Comunicare territori“. Il vino, attraverso il suo territorio, diventa portatore di una sua storia, quella legata alle aree lacustri, dove l’Italia ne è ricca. Sarà lui che racconterà, attraverso le degustazioni di 160 etichette di vini esposti per lago di provenienza, la ricchezza e la cultura italiana in tutte le sue sfaccettature anche in gastronomia.

In questa edizione ci sarà una particolare attenzione al bere consapevole e vi saranno aforismi, citazioni in tema dedicati al vino. In evidenza anche i prodotti locali, un’occasione per degustare le preparazioni a base di pesce di acqua dolce e di ortaggi locali, come ad esempio il broccoletto di Anguillara, ma anche formaggi a latte crudo come il caciofiore  realizzato con una ricetta di Columella 50 d.C. Il caciofiore si può considerare una sorta di antenato del Pecorino Romano, realizzato immergendo nel latte crudo, intero, il caglio vegetale ottenuto dal fiore di carciofo o di cardo selvatico, raccolti nel periodo estivo. Vi sono inoltre olio extravergine d’oliva, legumi, farine da grani antichi ed alcuni tra i prodotti del Lazio oggetto di Presidio Slow Food per la biodiversità.

ago-di-bracciano3

Laghidivini IX edizione si svolgerà, per la prima volta, sulle rive del lago sabatino presso la sede del Consorzio Lago di Bracciano, una struttura nata negli anni ’30 per consentire i rifornimenti degli idrovolanti che da Londra facevano scalo tecnico per l’Oriente.

Tante novità quest’anno, accompagneranno quest’evento. Degustazione di 160 vini esposti per lago di provenienza. Interessanti i “numerosi i vini in degustazione e le presenze di produttori vitivinicoli dal lago di Iseo a quello di Angitola (VV). Tantissime le occasioni per approfondire fa conoscenza di vitigni autoctoni come: Cesanese d’Affile, Sangìovese, Cortese, Corvina, Nerello, Aleatico, Greco, Gaglioppo, Perricone, Catarratto e Ortrugo. Tanto per citarne alcuni. Il prof. Mariano Nicòtina, docente all’Università Federico II di Napoli, sabato 25 giugno alle 19.30, racconterà alcuni dei vitigni autoctoni del Lazio: Maturano, Lecinaro, Pampanaro e altri che attendono ancora l’iscrizione nel Registro Italiano delle Varietà di Vite. Sarà, inoltre, l’occasione per degustare un raro orange wine da Passerina del Frusinate.”

Questa edizione segna per la prima volta un’apertura internazionale del festival: con i vini di Chayoux, una piccola maison della Champagne, e con quelli biologici prodotti da una comunità monastica dei Monte Athos (Grecia).  

L’inagurazione avverrà a bordo della motonave alle ore 19:00 di venerdì 24 giugno.

Venerdì 24 alla domenica 26 giugno dalle 19.00 alle 24.00:
Degustazione di acque aromatizzate con le erbe aromatiche del territorio.
l prodotti del Lazio e del territorio: esposizione e vendita di prodotti gastronomici anche a presidio Slow Food.
l profumi e i sapori del Monte Athos: esposizione e vendita di prodotti enogastronomici dette comunità monastiche greco-ortodosse.
Punti ristoro: a cura dell’Accademia del gusto Tu Chef di Roma, piatti tipici lacustri come verdure fritte. Latterini.
Gelato artigianale, a base di vino o di mosto, di Roberto Troiani dell’Hinterland Bar di Frascati.

Venerdì 24 e Sabato 25 ore 21:00Crociera al buio“, ideata e realizzata da Hilde Soliani: artista, gourmet, designer, performer, imprenditrice e “naso“. Un momento in cui arte, teatro, profumo, gusto, tatto e udito avranno un ruolo fondamentale. Un viaggio in cui cucina, vino e vita utilizzano lo stesso linguaggio del teatro.

Sabato 25 alle ore 9.00 In collaborazione con il Parco Regionale di Bracciano e Martignano la passeggiata alla Caldara di Manziana, per scoprire la bellezza di un raro esempio di bosco di betulle e godere del suggestivo paesaggio.
Ore 20.00 I prodotti del Lazio ispirano chef ed erboristeria . Show cooking dedicato ai prodotti del lazio a cura dell’Accademia del gusto Tu Chef.                                                      Ore 23.00 Bacco, Tabacco e….. un appuntamento in cui vi è un abbinamento tra i sigari Nastro Tornabuoni, della Compagnia Toscana Sigari, e Hypoclas, l’elisir della duchessa di Bracciano, accompagnato dal racconto della loro storia.

HIPOCLAS Liquore ippocratico di donna Isabella dè Medici Orsini, figlia di Cosimo dè Medici e sposa del duca di Bracciano Paolo Giordano Orsini, da una ricetta del XVI secolo. Liquore a base di Spezie.  Sarandrea Marco & C s.r.l  20% VOL.

Domenica 26 ore 19.00 Come ogni anno ci sarà la consegna del premio Laghidivini 2016 al vino che ha ottenuto il maggior numero di preferenze da parte del pubblico.
Ore 20.00 Un convegno a bordo della motonave a scoprire l’enogastronomia di una comunità monastica greco- ortodossa del Monastero di Vatopedi del Monte Athos. 

L’ingresso alla manifestazione è gratuito, mentre per le degustazioni è necessario munirsi di apposito tagliando volto a sostenere l’iniziativa previo accredito al Punto Info del festival. 

Per Informazioni dettagliate consultare il sito

: www.laghidivini.it

Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi proporci dei percorsi? Se sei interessato e vuoi saperne di più, contattaci l’Associazione Esplora Roma e Dintorni organizza visite guidate. Per informazioni puoi contattarci tramite e-mail: esploraromaedintorni@gmail.com saremo lieti di scambiare idee e opinioni.

https://esploraromablog.wordpress.com/

 

29 Giugno festa di San Pietro e Paolo e la Girandola Barocca di Castel Sant’Angelo.

Fireworks light the sky at Castel Sant'A

di Sabrina Rinaldi

Il 29 giugno a Roma si festeggia  come ogni anno i Santi Pietro e Paolo, patroni della Città eterna. Quest’anno viene di giovedì e io non voglio perdere l’occasione di questa festa, molto sentita da noi romani. Ma da dove derivano le origini Continua a leggere

LA NOTTE DELLE STREGHE il 24 giugno.

venditori-di-lumache
Venditori di lumache

Ritornano in voga le feste religiose e profane. Tra le più sentite nel passato a Roma è quella di San Giovanni, patrono della città, tradizionalmente conosciuta come la Notte delle Streghe, si festeggia il 24 giugno. La storia delle credenze e delle tradizioni relative alla notte delle streghe di San Giovanni varia nel nostro Paese, di regione in regione. In questo periodo dell’anno sono associate tante superstizioni  e i proverbi Continua a leggere

All’insegna dell’arte e del gusto.

Insieme a Cristiana Curri con Marco Mancini, sono andata ad un evento all’insegna dell’arte e del gusto in via della Penna 59. Appena dietro piazza del Popolo vi è una Galleria d’arte, Studios Arte Contemporanea direttore artistico Carmine Siniscalco, attualmente Presidente dell’Associazione Romana Gallerie d’Arte Moderna. Abbiamo partecipato ad una visita guidata di una mostra intitolata “c’era una volta” di Giancarlo Iacomucci in arte Litofino.

Verso l’ora di cena abbiamo proseguito l’evento trasferendoci all’Enoteca Casareale, degustando i vini dell’Azienda Benforte.

logo-footer

Quattordici Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc Spumante Brut brut a base di Verdicchio; Barbangelo Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc Classico superiore; Lucibello Verdicchio dei Castelli di Jesi Docg Riserva 2013; Puccio Marche Rosso IGT 2014; Julì IGT bianco 2015 Marche, ultimo nato. Tutti i vini sono stati accompagnati a piatti.

20160603_201959.jpg

La conoscenza di Giuliana Campolucci,  proprietaria e manager di questa piccola realtà dentro una grande azienda che produce uva Verdicchio da tre generazioni, mi ha fatto appassionare alla sua storia, alla sua terra. Il Verdicchio è di casa, Regione Marche, lei persona eclettica e di grande raffinatezza, con una semplicità insolita ci ha raccontato la sua storia, la sua idea, che scherzando la definisce  “una SPA per amici”. Questa Azienda Benforte, incontrata già in altre occasioni come il Solstizio d’Estate 2016,  ha più di 70 ettari dedicata a vigneto nel comune di San Paolo di Jesi, area classica di produzione del “ Verdicchio Castelli di Jesi”, Giuliana si è ritagliata una piccolissima parte, 2 ettari, per provare a produrre il vino e la rivendica con grande determinazione come sua proprietà . Progetto nato e iniziato con il suocero, deceduto prima di poter vedere realizzare il progetto e adesso lei lo ha dedicato a lui e all’amore che quest’uomo ha dato per una vita intera alla sua terra.

I nomi dei vini hanno un legame stretto con quest’uomo, ma allo stesso tempo derivano da i racconti  dello scrittore Italo Calvino. Calvino raccolse una fiaba popolare dal titolo “ Giuannì Benforte”.  la storia racconta l’eterno tema della vittoria dell’astuzia contro la forza bruta: la vittoria del piccolo contro il gradasso. La scelta del brand Benforte” sta ad indicare che con lo stesso ingegno e la stessa tenacia, anno dopo anno, ci si impegna a produrre buon vino.

Curiosità: lL VERDICCHIO  antichissimo vitigno marchigiano; si narra ne facesse incetta il visigoto re Alarico per accrescere il vigore delle sue arde. Il vino ha color oro verde come la sua uva e il suo nome, con un tipico e intenso finale di mandorla. Fresco e spesso anche sapido, in virtù non solo dell’aria salmastra ma pure dei banchi di salnitro d’alcuni sottosuoli jesini, è bilanciato da una buona componente alcolica e da una certa morbidezza. Analogamente per i profumi: la vena verde e la chiusura amarognola si equilibrano con la componente fruttata. Nei Castelli di Jesi fornisce ricordi di fiori di campo, toni agrumati e pesca.

Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi proporci dei percorsi? Se sei interessato e vuoi saperne di più, contattaci l’Associazione Esplora Roma e Dintorni organizza visite guidate. Per informazioni puoi contattarci tramite e-mail: esploraromaedintorni@gmail.com saremo lieti di scambiare idee e opinioni.

https://esploraromablog.wordpress.com/

23 Giugno apertura della stagione 2016 del Globe Theatre a Roma. La sua storia

5929033885_946a67c582_b

Questo in realtà è un articolo già pubblicato, mi piace riproporlo proprio perché siamo in prossimità dell’apertura della stagione 2016. Per chi non c’è mai stato è una vera occasione. Il primo appuntamento è il 23 giugno Mariano Riggillo in LEAR. La storia.

Il sito per consultare il programma è: http://www.globetheatrerome.com

Buona visione e lettura  😉

Oggi ricorre l’anniversario del grande drammaturgo William Shakespeare. 400 anni fa il 23 aprile del 1616 egli moriva. Il Globe Theatre elisabettiano a Roma, teatro di eccellenza, è stato inaugurato nel 2003 per i cento anni di Villa Borghese. Immerso in uno del parchi più belli di Roma, da un valore aggiunto al patrimonio storico e artistico come opera contemporanea che ne conferma e rinnova l’immagine di Roma capitale della cultura mondiale.

20140814_202303

Un po’ di storia

Fino alla metà del 16° secolo, la maggior parte dei spettacoli venivano eseguiti al di fuori di Londra. Artigiani o commercianti organizzavano eventi  tradizionali in piazze e nei parchi del villaggio. Come è cresciuta in dimensioni e importanza, Londra divenne il centro del teatro inglese. Nel corso della vita di Shakespeare, il teatro era diventato molto popolare. All’inizio considerato un non rispettabile passatempo e la maggior parte dei teatri erano nelle parti più periferiche della città.

Il primo London Theatre è stato chiamato Il TEATRO, costruito nel 1576 nel nord di Londra, appena fuori le mura. Nel 1587, il Rose Theatre è stato costruito a sud del Tamigi, tra le carceri e nei bordelli di una zona chiamata Bankside, richiamando grandi folle. Nel 1595, l’enorme teatro Swan, conteneva fino a 3000 persone, è stato costruito in pochi anni a ovest di Londra. Tutti questi teatri sono stati deliberatamente costruiti al di fuori dei confini cittadini, così erano liberi dalle restrizioni dei regolamenti imposte dalla religione puritana.

20140814_205311A Roma la realizzazione del Globe Theatre è stata resa possibile grazie alla Fondazione Silvano Toti, associazione creata dalla famiglia per onorare la memoria del mecenate ed imprenditore Silvano Toti. Il rispetto dell’ambiente e delle zone ad alto valore storico è stato il principio guida nella progettazione e nella realizzazione del teatro, costruito con legno proveniente da foreste gestite e riforestate e inserito perfettamente nel contesto ambientale e culturale di Villa Borghese.

20140814_203018Il Teatro non deve essere considerato una imitazione del Globe di Londra, del quale per altro non esiste copia del progetto originario, ma un luogo nuovo, tutto italiano, in linea con le nostre normative di sicurezza, in modo da garantire al pubblico le condizioni ideali per assistere gli spettacoli in programmazione. Oggi la direzione artistica è di Gigi Proietti.

Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi proporci dei percorsi? Se sei interessato e vuoi saperne di più, contattaci l’Associazione Esplora Roma e Dintorni organizza visite guidate. Per informazioni puoi contattarci tramite e-mail: esploraromaedintorni@gmail.com saremo lieti di scambiare idee e opinioni.

https://esploraromablog.wordpress.com/