I sotterranei di Santa Sabina

basilica-di-santa-sabina-allaventino

di Sabrina Rinaldi

Molti sono i motivi che mi spingono ad ammirare la Basilica di Santa Sabina,una delle chiese di Roma, ancora oggi, conservata perfettamente. Le sue 24 colonne che sorreggono le arcate della navata prese dal tempio di Giunone Regina, la sua magnifica cantoria ricavata dalla collage di

diverse lastre antiche, creando uno dei più raffinati pastiche (frammenti) medievali che sono sotto gli occhi di tutti. Difficile è scoprire gli altri tesori del complesso, che sono legati alla storia precedente e successiva della basilica paleocristiana.

 

Nei sotterranei vi sono i resti delle mura serviane, alle quali il monastero si appoggiò e le mura di case antiche. Una di queste, molto probabilmente deve essere stata quella della matrona Sabina, alla quale è attribuita la memoria della prima comunità cristiana dell’Aventino.

Molto interessanti sono gli ambienti del convento dei Domenicani. Al primo piano del monastero è conservata la cella e San Domenico, colui che fonda uno degli ordini più

Santa-Sabina-all-Aventino-abside-600x429

potenti della storia, costante rivale in architettura dei francescani. Oggi l’ambiente si presenta come una cella barocca affrescata con le storie del Santo.

Santa-Sabina_02-1

Importante da annotare è che nell’antico dormitorio dei monaci vi è allestito un piccolo prezioso museo delle memorie domenicane, dove si possono ammirare dei bellissimi capolavori, come la straordinaria tavola di Antoniazzo Romano, dove San Domenico appare in un ritratto estremamente realistico.

ssabina2

La collezione di questo piccolo museo è testimone di un alto livello culturale che ha sempre contraddistinto l’ordine  dei Padri Predicatori, veri e propri intellettuali delle Sacre Scritture. A loro è ancora affidata la conservazione del complesso monastico: un gioiello d’arte che continua a riservare sorprese.

ssabina

Come l’affresco bizantino scoperto nel luglio 2010 sotto l’intonaco dell’atrio della Chiesa che rappresenta una Madonna con Bambino tra santi di rara bellezza dove non si è lesinato sui materiali. Il manto della Vergine e puro lapislazzulo.

Museo Domenicano di Santa Sabina è visitabile su prenotazione.

Piazza Pietro d’Illiria 1 – Roma

 

 

Percorsi Culturali per coloro che amano l’Arte.

http://www.alfredoverdidemma.com

Contatti: alfredoverdidemma@gmail.com   o  esploraromablog@gmail.com

Il Blog è dedicato agli interessati  di Arte, di Restauro, di Enogastronomia del territorio e di  percorsi Paesaggistici Culturali.

Tutti coloro che desiderano che venga pubblicato un loro articolo sul Esploraromablog  possono contattare la redazione tramite mail: esploraromablog@gmail.com

2 thoughts on “I sotterranei di Santa Sabina

  1. Olivana Chinaglia 26 aprile 2017 / 15:15

    Veramente interessante la possibilità di visitare il convento di cui non sapevo! Grazie!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...