Multe e sanzioni già nel Seicento. Immondizia un problema ancora attuale

targa imm

Sabrina Rinaldi

Il problema dei rifiuti a Roma e di come smaltirli è attuale come non mai. Pierluigi mi ricorda, quando nel 1975, in un suo primo articolo scritto sulla “Rivista Roma oggi” descriveva questa piaga, che ha una storia lunga quanto quella dell’uomo, anzi direi una conseguenza. Eppure già nel’75 si parlava di riciclo e riutilizzo Continua a leggere

I libri si ammalano e vengono curati al Museo della Patologia del libro

image

di Sabrina Rinaldi

C’è un posto, piccolo e poco conosciuto, il Museo della Patologia del libro, di cui l’ingresso è gratuito, è l‘Istituto Centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario. Dal 1938 anno di fondazione ha continuato Continua a leggere

La confraternita San Giovanni Decollato. Dove finivano i resti dei condannati a morte.

San Giovanni Decollato

La confraternita San Giovanni Decollato, dove finivano i resti dei condannati a morte.

Roma dà sempre spunti per scrivere su di lei. Un esempio esistevano diverse  confraternite un po’ per tutte le categorie, importanti anche se alquanto macabre.  Quella dell’Orazione e Morte ad esempio si occupava di seppellire i corpi di chi Continua a leggere

“La festa de Noantri” o festa della Madonna del Carmine.14 e 16 luglio.

wp-1467870622765.jpeg

Oramai è consuetudine Pierluigi e io scriviamo su Roma. Ci piace poter ricordare posti e tradizioni romane che nel tempo sembrano perdersi. Un’altro evento da annotarsi è a Trastevere dove ogni anno  viene celebrato la festa della Madonna del Carmine, detta “la festa de Noantri“. I Noantri sono i trasteverini, così qualificati per distinguersi dagli altri Rioni di Roma, ovvero i Voantri. Per noi  romani è una tradizione che Continua a leggere

La festa della Madonna del Carmine, detta anche “festa de Noantri”.

ProcessioneMadonnaDelCarmine3

 

Un’altro evento atteso a Trastevere, che ogni anno  viene celebrato, è  la festa della Madonna del Carmine, detta “la festa de Noantri“. I Noantri sono i trasteverini, così qualificati per distinguersi dagli altri rioni di Roma, ovvero i Voantri. Per noi  romani è una tradizione che parte da lontano.  La ricorrenza il primo sabato dopo il 16 luglio, la festa venne istituita da un frate carmelitano Simone Stock, nel XIII secolo.

Una leggenda racconta che alcuni pescatori trovarono nelle acque del Tevere la statua che portarono subito nel rione per festeggiarla, anche per questo motivo è chiamata “Madonna Fiumarola”. La festa si apre ogni anno con una processione che, partendo dalla chiesa di sant’Agata in largo S. Giovanni de Matha, percorre il rione di Trastevere accolta dalla fanfara dei Bersaglieri.

Circa l’origine della “Festa de noantric’è anche da riferire l’ipotesi avanzata da alcuni studiosi: essa si riallaccerebbe a quella della “Fortuna Fortuita”, che cadeva tra la fine di giugno e i primi di luglio (a questa divinità, Servio Tullio aveva dedicato il tempio che ancora si osserva presso la Bocca della Verità). Per questa festa avevano luogo gare di nuoto e di barche, corse a piedi e a cavallo e copiose libagioni. Ovidio, parlandone nei suoi “Fasti”, dice:” o giovani, accorrete sui battelli incoronati e in mezzo all’acqua bevete molto vino!”.

In precedenza, veniva portata in processione un’altra immagine del Carmelo: il popolo la chiamava “Madonna fiumarola” perché, secondo una leggenda, era stata trovata verso il 1580 da alcuni marinai della Corsica in una cassa che galleggiava al largo di Fiumicino e veniva accompagnata attraverso il Tevere fino a San Crisogono, chiesa nazionale dei corsi. Da qui poi passò nel vecchio monastero delle clarisse in via dei Genovesi, ora sede dell’orfanotrofio del s. Cuore di Maria.  Attualmente, l’antica e bellissima immagine è custodita nel chiostro delle monache benedettine a Santa Cecilia, giovane martire trasteverina.

abside_s_maria_trastevere
Abside a Santa Maria in Trastevere

Articolo di Pierluigi Sabatini e Sabrina Rinaldi.

Articoli da leggere:

Cinema gratis a Trastevere

Casa del Cinema

Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi proporci dei percorsi? Se sei interessato e vuoi saperne di più, contattaci l’Associazione Esplora Roma e Dintorni organizza visite guidate per gruppi e non solo. Per informazioni puoi contattarci tramite

e-mail: esploraromaedintorni@gmail.com saremo lieti di scambiare idee e opinioni.

https://esploraromablog.wordpress.com/

 

San Girolamo della Carità, dove scoprire un Borromini sconosciuto.

chiesa-di-san-girolamo-della-carita-roma_7266433Bellissima la frase di Renzo Piano, coglie la vera essenza di una città: “Una città non è disegnata, semplicemente si fa da sola. Basta ascoltarla, perché la città, è il riflesso di tante storie.” Renzo Piano (Architetto)

Molte chiese di Roma sono nate sulle fondamenta di antiche case romane, dove donne convertite al Cristianesimo avevano aperto piccole comunità. E’ il caso di Santa Cecilia in Trastevere o Santa Prassede, ma anche San Girolamo della Carità, che sorge sulla domus dove la matrona Paola pare abbia ospitato il Santo nel IV secolo. In questo caso non è passato alla storia il nome della padrona di casa, bensì quello del suo illustre ospite. La chiesa è nota per aver ospitato San Filippo Neri. Il suo soggiorno, ancor oggi è ricordato da un a piccola stanza trasformata in oratorio, dove l’oratoriano Virgilio Spada ( della Famiglia Spada) commissionò una decorazione tra le più interessanti a Francesco Borromini, che venne coinvolto anche nella realizzazione della cappella di famiglia all’interno di San Girolamo. Anche se oggi gli studiosi tendono a escludere la firma del Borromini, alcune delle invenzioni inserite nella Cappella sembrano davvero molto vicine agli espedienti a sorpresa studiati dall’architetto ticinese in altri luoghi.

Ingresso da Piazza Santa Caterina della Rota.

La chiesa apre al pubblico il sabato e la domenica alla ore 10 per la messa.

Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi proporci dei percorsi? Se sei interessato e vuoi saperne di più, contattaci l’Associazione Esplora Roma e Dintorni organizza visite guidate per gruppo e non solo.. Per informazioni puoi contattarci tramite e-mail: esploraromaedintorni@gmail.com saremo lieti di scambiare idee e opinioni.

https://esploraromablog.wordpress.com/

 

29 Giugno festa di San Pietro e Paolo e la Girandola Barocca di Castel Sant’Angelo.

Fireworks light the sky at Castel Sant'A

di Sabrina Rinaldi

Il 29 giugno a Roma si festeggia  come ogni anno i Santi Pietro e Paolo, patroni della Città eterna. Quest’anno viene di giovedì e io non voglio perdere l’occasione di questa festa, molto sentita da noi romani. Ma da dove derivano le origini Continua a leggere

Il cuore di Nerone e la sua leggenda.

cuore_1

Quante storie e leggende su Roma, forse è questo che la rende così speciale e misteriosa. In un vecchio post ho parlato dei “sampietrini” una pavimentazione nota ai romani. Usati già nel Seicento e ancora in uso, sono blocchetti di pietra con una forma più o meno quadrata da 10 x 10 cm, che accostati l’uno all’altro creano la pavimentazione di diverse Continua a leggere