Borromini e l’esoterismo a Palazzo Falconieri

Un edificio da non perdere come visita quando si soggiorna a Roma è Palazzo Falconieri. Esso sorge sui resti di un antico porto fluviale, posto

Continua a leggere

Dove Borromini sfidò apertamente Bernini. La Cappella dei Re Magi

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

di Sabrina Rinaldi

Semmai c’è stata tra Bernini e Borromini rivalità, questa è stata toccata con i lavori al Continua a leggere

San Girolamo della Carità, dove scoprire un Borromini sconosciuto.

chiesa-di-san-girolamo-della-carita-roma_7266433Bellissima la frase di Renzo Piano, coglie la vera essenza di una città: “Una città non è disegnata, semplicemente si fa da sola. Basta ascoltarla, perché la città, è il riflesso di tante storie.” Renzo Piano (Architetto)

Molte chiese di Roma sono nate sulle fondamenta di antiche case romane, dove donne convertite al Cristianesimo avevano aperto piccole comunità. E’ il caso di Santa Cecilia in Trastevere o Santa Prassede, ma anche San Girolamo della Carità, che sorge sulla domus dove la matrona Paola pare abbia ospitato il Santo nel IV secolo. In questo caso non è passato alla storia il nome della padrona di casa, bensì quello del suo illustre ospite. La chiesa è nota per aver ospitato San Filippo Neri. Il suo soggiorno, ancor oggi è ricordato da un a piccola stanza trasformata in oratorio, dove l’oratoriano Virgilio Spada ( della Famiglia Spada) commissionò una decorazione tra le più interessanti a Francesco Borromini, che venne coinvolto anche nella realizzazione della cappella di famiglia all’interno di San Girolamo. Anche se oggi gli studiosi tendono a escludere la firma del Borromini, alcune delle invenzioni inserite nella Cappella sembrano davvero molto vicine agli espedienti a sorpresa studiati dall’architetto ticinese in altri luoghi.

Ingresso da Piazza Santa Caterina della Rota.

La chiesa apre al pubblico il sabato e la domenica alla ore 10 per la messa.

Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi proporci dei percorsi? Se sei interessato e vuoi saperne di più, contattaci l’Associazione Esplora Roma e Dintorni organizza visite guidate per gruppo e non solo.. Per informazioni puoi contattarci tramite e-mail: esploraromaedintorni@gmail.com saremo lieti di scambiare idee e opinioni.

https://esploraromablog.wordpress.com/

 

La Fontana dei Quattro Fiumi e lo scherzo dell’acqua. Rivalità tra il Borromini e il Bernini.

image

di Sabrina Rinaldi

La saga Bernini Borromini non finisce mai di stupire.
Piazza Navona alla metà del’600 era conosciuta come sede di un mercato. Sorgeva in quello che era stato lo stadio di Domiziano, anticamente sede di giochi, Agones in lingua latina.
A quei tempi al soglio pontificio c’era Urbano VIII, un Barberini, la piazza non aveva ancora la magnificenza scenografica attuale, data dalla rivalità dei due sommi artisti del Barocco, Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini. Morto Urbano VIII nel 1644, fu eletto Innocenzo X, un Pamphilj, che volle abbellire la piazza sottostante al suo palazzo, per dare lustro al nome della famiglia.
Pesò certamente l’ influenza della cognata amata (amante?) Donna Olimpia. Era furba, presuntuosa, dispotica e spregiudicata. Tanto che in una pasquinata con lei protagonista, ecco cosa recitava:
Chi dice donna dice danno
Chi dice femmina dice malanno
Chi dice Olimpia Maldachina dice donna, danno e rovina.

Ritornando alla storia Innocenzo X si attivò subito per dare inizio ai lavori di ampliamento del suo palazzo con mandato al Rainaldi e al suo architetto personale Francesco Borromini. Nello stesso tempo venne bandito un concorso per la costruzione di una fontana al centro della piazza, che era già esistente ma utilizzata come abbeveratoio. Ovviamente dal concorso fu escluso il Bernini.

Il Papa non tenne conto del concorso e diede l’incarico al Borromini. Il progetto di quest’ultimo era di erigere sopra la fontana un obelisco egizio, ritrovato spezzato in più parti sparsi sull’erba del Circo di Massenzio, lungo la via Appia di cui Urbano VIII intuito il valore, bloccò l’esportazione, e come basamento del obelisco quattro mascheroni allegorici che avrebbero rappresentato i quattro fiumi del mondo: Nilo, Gange, Danubio e il Rio della Plata.

Ed ecco entra in gioco Donna Olimpia, che diede mandato al Bernini , sembra che diede in dono alla stessa una pietra preziosa appartenuta persino al Re d’ Inghilterra e al Papa fece recapitare un modellino della fontana fuso in argento, il quale riprendeva ampliandola l’idea di base di Borromini.

wpid-screenshot_2015-11-01-18-13-39-1.png

Il Borromini si infuriò a tal punto da rifiutarsi di consegnare al nemico i dati tecnici relativi all’approvvigionamento idrico di Piazza Navona.
Il Bernini diede comunque inizio ai lavori.
Dopo 3 anni di duro lavoro, inserito l’obelisco egizio al centro, la Fontana fu pronta per l’inagurazione.

Chissà quanta folla e quanta emozione in quel giorno, tutti presenti per veder la fontana che emettesse il primo zampillo. L’immaginarsi la faccia di tutti, dal Bernini, che si stava giocando la reputazione, di Innocenzo X di vedere consacrato il suo desiderio di potere e immortalità, la cognata pallida più del solito e Francesco compiaciuto del fallimento del rivale. Rimasero tutti sbigottiti tanto che il Papa irritato disse : “Molto bella, molto bella, cavaliere. Ma in realtà siamo venuti per vedere una fontana zampillante, non una costruzione asciutta!.

Dopo pochi ma lunghi istanti, si sentirono una serie di scrosci e gorgoglii, potenti getti d’acqua che si riversavano nella fontana, i raggi del sole che si rinfrangevano in mille giochi di luce nelle acque zampillanti tra pesci e delfini di pietra, e si vide il volto sorridente del Bernini che presentava la sua opera. Tutti compresero sulla piazza che il suo passo falso era stato una commedia, un trucco per accrescere l’effetto del suo successo.

 

 Servizi per la Tutela dei Beni Culturali. Percorsi Culturali per coloro che amano l’Arte. 

tondo-doni 1

PortAperte alle Vostre Opere d’Arte

 

 

 

“Una città non è disegnata, semplicemente si fa da sola. Basta ascoltarla, perchè la città, è il riflesso di tante storie.” Renzo Piano (Architetto)

chiesa-di-san-girolamo-della-carita-roma_7266433

Bellissima la frase di Renzo Piano, coglie la vera essenza di una città: “Una città non è disegnata, semplicemente si fa da sola. Basta ascoltarla, perchè la città, è il riflesso di tante storie.” Renzo Piano (Architetto)

Roma, San Girolamo della Carità, dove scoprire un Borromini sconosciuto.

Molte chiese di Roma sono nate sulle fondamenta di antiche case romane, dove donne convertite al Cristianesimo avevano aperto piccole comunità. E’ il caso di Santa Cecilia in Trastevere o Santa Prassede, ma anche San Girolamo della Carità, che sorge sulla domus dove la matrona Paola Continua a leggere