Dove il papa distribuiva candele al popolo

Foro_Romano_da_Palazzo_Senatorio

Quante volte abbiano fotografato il Foro Romano ed abbiamo colto almeno una volta sullo sfondo la cupola del Santi Luca e Martina.

A pensare che migliaia di persone ogni giorno sfiorano questa chiesa salendo al Campidoglio dal foro ma in pochi la ammirano. 

È il capolavoro di Pietro da Cortona che oltre ad essere un bravo pittore era un eccezionale architetto. Le sue architetture sono estremamente rappresentative del gusto di quell’epoca. E questo tempio nella sua struttura racchiude i motivi più intensi del Barocco.

Diverso da Borromini che si concentrava sui minimi dettagli decorativi, Pietro da Cortona ragiona essenzialmente sullo spazio, lo modella attraverso il disegno e con raffinatezza distribuisce muri, colonne e paraste in posizioni strategiche. 

Church_Santi_Luca_e_Martina_from_Forum_Romanum,_Rome

La pianta di questa chiesa, dall’interno sembra una classica pianta a croce greca con la cupola al centro quattro bracci laterali. In realtà i muri sembrano fluire senza interruzioni in un percorso continuo e sinuoso. Il segreto sta nella profondità delle quattro absidi.

Quelle del portale e dell’altare maggiore sono regolari, mentre quelle laterali risultano schiacciate, un piccolo espediente che riduce la spinta verso l’esterno rafforza la presenza di colonne e paraste che smussano gli angoli tra le cappelle. In sostanza siamo proiettati verso il centro con lo sguardo all’altare Maggiore.

chiesa-dei-santi-luca-martina

L’architetto ha voluto scoraggiare l’ingresso dei fedeli nei quattro bracci che avrebbe fatto perdere l’unitarietà allo spazio. Potrebbero sembrare considerazioni astruse, eppure sono il frutto dello studio dei vari progetti elaborati dal Cortona.

Egli ha la possibilità, rarissima, di costruire la chiesa seguendo soltanto le sue idee senza alcuna interferenza dall’esterno. Questo privilegio gli deriva dal fatto che si trova ad essere committente di sé stesso.

chiesa santi luca e martina

Prima convince il pontefice a concedergli di iniziare la realizzazione della cripta della Santa Martina nel luogo dove 1000 anni prima si trovava una chiesa a lei dedicata.

Poi, una volta trovate in quel luogo le reliquie della santa martire ottiene il coinvolgimento pieno di Papa Urbano VIII che finanzia la realizzazione della Chiesa e ne affida la gestione all’Accademia di San Luca della quale nel frattempo il Cortona è diventato Principe. 

Dalla superficie emergono nei disegni dell’architettura le modanature, le colonne e tutti i dettagli illuminati da fonti nascoste poste soprattutto sulla cupola centrale.

L’architetto ha saputo usare la luce con originalità per sostenere il suo intento.

Forse non sarà un caso, che la festa liturgica della luce, la candelora, per secoli ha visto nella chiesa dei santi Luca e Martina una sede privilegiata. Seduto su un trono in marmo Papa Gelasio per primo distribuisce i ceri benedetti al popolo di Roma.

Il Blog è dedicato agli interessati di percorsi d’Arte, Enogastronomia del territorio e di percorsi Paesaggistici Culturali.


Una risposta a "Dove il papa distribuiva candele al popolo"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...