ACQUEDOTTO VERGINE E LE SUE ORIGINI.

 

Acqua Vergine

Degli 11 acquedotti costruiti dagli Antichi Romani, quello Vergine è l’unica ancora in funzione. Un vero record, se si pensa che è stato inaugurato nel 19 a.C da Agrippa, che lo aveva realizzato per alimentare le sue terme monumentali nei pressi del Pantheon.

Alla ricerca di una nuova acqua Agrippa spinge i suoi soldati nella zona dell’attuale Salone dove grazie all’aiuto di una giovane ragazza scoprono la sorgente. In memoria della giovane o per la purezza dell’acqua, la nuova opera prende il nome di acquedotto Vergine. È tutto praticamente intatto fino ad oggi perché il suo percorso è quasi completamente sotterraneo, più difficile da attaccare per i nemici di Roma.

I Romani superarono davvero loro stessi in questa opera idraulica: con una lunghezza di quasi 20 chilometri  l’acqua scorre ad una pendenza massima 30 centimetri per chilometro. Dalla sorgente alla mostra c’è un dislivello di solo 6 metri. E non solo è il primato di questa struttura. Il motivo per cui, giunti in prossimità delle Mura Serviane, l’acquedotto i giri verso nord, e attraversi la Tiburtina, la Nomentana e in corrispondenza della Salaria entri città per attraversare i Parioli (dove raggiunge la prof la profondità massima a 43 metri sotto terra) e mostrarsi nella Fontana della Barcaccia Piazza di Spagna.

Roma-fontana_del_babuino

Da quel punto, tante sono le fontane alimentate dell’Acqua Vergine:  Fontana di Trevi, il Bottino di via Lata, il Babbuino di via Babbuino, la Scrofa (oggi secca), la punta del Pantheon fino a Fontana dei Fiumi di piazza Navona. Un percorso monumentale eccezionale, che ancora oggi si serve dell’acqua romana.

tecnica IV - DOC 2

La struttura, che è i più coraggiosi possono percorrere per un breve tratto scendendo da Trinità dei Monti, si presenta come un tunnel e rivestito di cocciopesto, su cui si aprono ad intervalli regolari dei pozzi che raggiungono superficie. In questi punti spesso il tracciato dell’acquedotto vira leggermente, per rallentare il corso dell’acqua. Si tratta di pozzi di ispezione, utili a controllare lo stato alla struttura e raccogliere sedimenti che l’acqua porta con sé.

FT30
Oggi esistono due modi per esplorare questo monumentale acquedotto: un sistema per venturoso passa da una scala a chiocciola rinascimentale cui si accede nei pressi di Villa Medici, quello più facile invece la possibilità di ammirare delle arcate in marmo nei pressi di Fontana di Trevi. Risalgono un restauro voluto dall’imperatore Claudio, su cui poi è intervenuto Sisto IV, che ben testimonia lo stemma della famiglia Della Rovere. Entrambi i siti, si coglie veramente la meraviglia di un’opera che funziona da oltre 2000 anni e non ha alcuna intenzione di smettere.

Articoli da leggere:

La Fontana dell’Acqua Paola

La Cisterna dove sostava l’acqua per le terme dell’Imperatore.

La fontana della botticella

Ti è piaciuto l’articolo? Vuoi proporci dei percorsi? Se sei interessato e vuoi saperne di più, contattaci l’Associazione Esplora Roma e Dintorni organizza visite guidate per gruppi e non solo. Per informazioni puoi contattarci tramite

e-mail: esploraromaedintorni@gmail.com saremo lieti di scambiare idee e opinioni.

https://esploraromablog.wordpress.com/

 

5 risposte a "ACQUEDOTTO VERGINE E LE SUE ORIGINI."

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...